novembre 9, 2018

F-Max: il nuovo pesante Ford 

Il nuovo pesante Ford 

Torna Ford sul mercato europeo con un camion che promette molto, tanto che allo IAA di Hannover è stato premiato con il Truck of the Year 2019, da una giuria internazionale (presieduta dall’italiano Gianenrico Griffini) composta da giornalisti provenienti da 23 Paesi. Il nuovo mezzo si propone come l’erede del Ford Cargo, si chiama Ford F-Max ed è prodotto da Ford Otosan, filiale turca della Casa americana.

Che cos’ha allora di speciale questo mezzo che si presenta con un gran numero di novità sostanziali?

Chiariamolo subito: l’F-Max si propone come un camion “da fatica” rispetto a quelli che viaggiano sulle nostre strade e infatti sarà distribuito in Turchia, Sud America, in Russia, Ucraina, Polonia e Romania. Ma attenzione, se il prezzo è contenuto, la tecnologia è comunque di alto livello, a cominciare dal motore Ecotorq da 13 litri, che sprigiona 500 cv e 2500 Nm. Nuovo è anche il cambio automatico ZF a 12 marce e nuova è la cabina. Questo modello è stato sviluppato interamente in Turchia da circa 500 ingegneri, che hanno lavorato per 5 anni accumulando su strada test per 5 milioni di km.

Si tratta, insomma, di un prodotto serio, razionale, progettato per essere il più possibile efficiente ed economico, ovviamente anche dal punto di vista dei consumi. Grazie a un’aerodinamica molto studiata, la Casa dichiara addirittura un risparmio di gasolio del 6% rispetto ai precedenti modelli. Ma c’è di più: con un’azzeccata sinergia motore-trasmissione, non solo si possono ottenere ulteriori riduzioni di consumi e un alto livello di affidabilità, ma anche intervalli di manutenzione ben distanti l’uno dall’altro. Insomma, come si dice sempre, tutto a vantaggio del costo totale di gestione del camion. Da questo punto di vista, il Ford F-Max si presenta dunque come il mezzo più giusto per gli autotrasportatori sudamericani, turchi o dell’Europa dell’Est. Ma se questo mezzo fa risparmiare, è anche il primo veicolo Ford dotato di connessione. 

Commenta via Facebook




Share this:
Tags:

Info redazione

redazione

  • Email