12 Agosto 2019

I camion porta bombe: creati per assorbire l’urto di oltre 11 chili di tritolo

Camion porta bombeTCV, Total Containment Vessel, cioè “recipiente di contenimento totale”: è questo il nome tecnico del dispositivo porta bombe che l’esercito degli Stati Uniti, l’FBI e le più importanti polizie metropolitane hanno in dotazione per combattere le infinite insidie del terrorismo.
Il camion porta bombe è una sfera di acciaio speciale, progettata in modo da contenere e assorbire l’urto di oltre 11 chili di tritolo. Apertura e chiusura sono comandati a distanza e, in caso di esplosione durante il trasporto, l’unica cosa che si vede all’esterno è un semplice sbuffo di fumo anche se, a detta degli esperti, il rumore è piuttosto inquietante: come un blindato che va a sbattere contro una lastra di acciaio. Questo innovativo sistema di contenimento è prodotto dalla NABCO, che è in grado di fornire trailer attrezzati oppure di customizzare ogni tipo di veicolo, dai pick-up ai camion veri e propri, per un costo dai 250 ai 400 mila dollari.

Camion porta bombe contro il terrorismo 

A Los Angeles, per esempio, la polizia ha scelto di allestire come TCV un poderoso  Peterbilt 389 in versione corta, debitamente rinforzato e con cabina blindata, privilegiando così la potenza e l’altezza; mentre a New York e a Boston hanno scelto come base un Ford F-450, altrettanto potente (può sviluppare anche 440 cv), ma molto più agile e veloce. A guidarli ci sono poliziotti-camionisti di cui nessuno conosce il nome o i volti, per evidenti ragioni di sicurezza e anche perché il destino di questi uomini coraggiosi è quello di lavorare nell’ombra. E, se il lavoro è fatto bene, nessuno si accorge di nulla. Per capirci, nella sola Los Angeles, negli ultimi quattro anni, si stima che ci siano state circa 1000 richieste di intervento ogni anno, molti erano falsi allarmi ma il numero delle vere emergenze è stato tenuto rigorosamente segreto

Commenta via Facebook

Share this:
Tags:

Info redazione

redazione

  • Email