ottobre 5, 2018

Malattie professionali: curarsi alle terme

Curarsi alle terme

La mialgia colpisce quasi tutti i camionisti, ecco dunque un buon consiglio: facciamo una sosta a Montecatini per ridare efficienza al nostro fisico con l’idroterapia associata ai massaggi. Ormai è assodato che “la relazione tra lavoro di guida di automezzi, siano essi macchine industriali e agricole o veicoli di trasporto, e disturbi/patologie a carico dell’apparato muscolo-scheletrico è ben documentata da lungo tempo”. Molti studi clinico-epidemiologici hanno  rilevato “un eccesso di occorrenza di disturbi/patologie del tratto cervicale e lombare del rachide in autisti professionisti rispetto a gruppi di controllo o alla popolazione generale”. E indagini svolte in anni più recenti “tendono a confermare un eccesso di rischio per lombalgie negli autisti professionisti”.

Malattie professionali: le ricerche mediche

Tra l’altro “aumentate prevalenze di disturbi muscolo-scheletrici agli arti superiori e inferiori sono state associate con l’attività di guida”: i disturbi più frequentemente riportati sono localizzati a livello di anca-coscia (22.2%), ginocchia (29.3%) e a livello di gomito (10.8%) e braccia (17.5%).

Malattie professionali e inail

La malattia professionale o come viene comunemente chiamata, causa di servizio Inail, è dunque la malattia che viene contratta dal lavoratore a causa e nell’esercizio della mansione svolta durante l’attività lavorativa. Per gli autisti le malattie professionali riconosciute dall’Inail sono:

Neuropatie periferiche

Malattie angioneurotiche

Osteoartropatie al polso

Osteoartropatie al gomito e alla spalla

Malattie professionali: la soluzione termale

I rimedi oltre a quello di assumere FANS, miorilassanti, corticosteroidi, possono essere l’applicazione di terapia fisica e l’effettuazione di riabilitazione motoria in palestra e/o l’Idrokinesiterapia specialmente in acqua termale che, oltre all’effetto miorilassante della temperatura adeguata, offre le proprietà terapeutiche dell’acqua stessa, paragonabili alle proprietà di alcuni farmaci. Per porre rimedio a queste fastidiose rachialgie, e ridurre l’assunzione di farmaci FANS e/o corticosteroidi, basta effettuare preventivamente o ai primi sintomi, della corretta terapia fisica ed intraprendere percorsi di riabilitazione specifici specialmente in acqua termale. In un’ottica di prevenzione e di cura, Terme di Montecatini mette a disposizione un consulto gratuito con lo specialista presso le Terme Redi (via Marconi, 2) per la stesura di un piano terapeutico personalizzato. I trattamenti consigliati dall’ortopedico saranno scontati del 20%.

Commenta via Facebook




Share this:
Tags:

Info redazione

redazione

  • Email